Installation views

Images

Press release

ALEX KATZ
Small paintings and drawings 1990-2016
27 September 2016 - 14 January 2017

After his large shows this year at the Guggenheim in Bilbao and the Serpentine Gallery in London, we are delighted to announce an exhibition of small paintings and drawings by Alex Katz.

We will present the more intimate side of the great painterʼs work. His small paintings are made directly in front of the live model or en plein air, their brush strokes are more gestural and impulsive. They are not only preparatory studies showing a monumental plan at its birth, but also autonomous works revealing the initial and spontaneous passion of the artist for his subject. Katz’s ability in rendering the fragile unity of a moment with a few brush strokes, reveals much of the person portrayed and of the artist’s personal reflections, voluntarily abandoned in the large portraits on canvas which show a more stylized and essential vision.This characteristic is enhanced by the small size which draws the viewer to approach closely and enter the space of the painting, thereby establishing a more intimate physical and mental relationship with the work.
Also the drawings offer insight into the artist's process as often the original idea for a painting is illustrated here in its nascent state. Katz draws quickly in charcoal and pencil searching for the right expression, but in fact often his drawings are almost as accomplished as a painting, they are like paintings in black and white.

Alex Katz was born in New York in 1927 as the son of Russian – Jewish immigrants and studied painting at the Cooper Union School of Art from 1946 to 1949. Since the 1960s he has developed a highly innovative realist style unlike any of his contemporaries. Having appeared on the American artistic scene at the end of the ʻ50s, the years of Abstract Expressionism, and being a contemporary of Pop Art and the subsequent artistic movements, Katz surprisingly managed to reconcile the abstract movement with realism in US post war art, in a style that he himself defines as “totally American”. His final images are essential, luminous, direct and sharp, showing very intense colour planes, rendered in a particular bidimensional perspective, free of any sentimental connotation and yet able to communicate a profound emotional involvement.

The work of Alex Katz is widely represented at museum in the USA, including MoMA, the Metropolitan and the Whitney in New York, as well as in European Museums, like Tate Modern in London, the MMK in Frankfurt, the Albertina in Vienna and the Guggenheim Museum in Bilbao.

ALEX KATZ
Small paintings and drawings 1990-2016
27 Settembre 2016 - 14 Gennaio 2017

Siamo felici di annunciare una mostra di Alex Katz, dopo le due importanti personali di quest'anno al Guggenheim di Bilbao ed alla Serpentine Gallery di Londra.

Presenteremo il lato più intimo del lavoro dell’artista: i suoi piccoli dipinti, chiamati oil sketches ostudi preparatori, e i disegni. Diversamente dai quadri su tela, questi oli su tavola sono dipinti direttamente davanti alla modella o al paesaggio, spesso “en plein air”. In questi lavori egli struttura l’idea, prima di trasferirla sulla tela, sperimenta la composizione, l’atmosfera ed il colore, attraverso una pennellata ben visibile, libera e veloce ma precisa. Questi dipinti non vanno intesi solo come studi preparatori, ma come opere autonome che rivelano l’iniziale e spontanea passione dell’artista per i propri soggetti. L’abilità di Katz di rendere con poche pennellate la fresca unicità del momento, rivela molto della persona ritratta e delle riflessioni più private e personali dell’artista, volutamente abbandonate nei grandi lavori su tela che mostrano una visione più stilizzata e definita. Questa caratteristica d’intimità è accentuata dalla dimensione ridotta delle tavole che porta l’osservatore a un approccio ravvicinato con il dipinto, stabilendo con l’opera un rapporto fisico e mentale più personale. Anche i disegni offrono una visione introspettiva del processo creativo dell’artista, dato che l’idea originaria da cui scaturisce il dipinto finale viene qui illustrata con un tratto veloce a matita o carboncino.

Nato a New York nel 1927 da immigrati ebrei russi, l'artista americano Alex Katz è uno dei più importanti ed influenti pittori del nostro tempo. Dal 1946 al 1949 ha studiato pittura alla Cooper Union School of Art. Dal 1960 ha sviluppato uno stile figurativo inconfondibile ed altamente innovativo. Pur essendo apparso sulla scena artistica americana alla fine degli anni '50, durante gli anni di dominio dell'Espressionismo Astratto, Katz ha scelto la figurazione, ma ha saputo integrare nel suo stile elementi dell'Espressionismo Astratto: le vaste superfici di colore monocromo di Barnett Newman e la gestualità veloce e spontanea di Pollock e De Kooning. Al contempo Katz, ispirandosi ai mass media, al cinema ed alla fotografia, ha anticipato ed ispirato il movimento della Pop Art, riuscendo  sorprendentemente a conciliare l'astrattismo ed il realismo nell'arte americana del dopoguerra, in uno stile unico e personalissimo. Sono immagini essenziali, luminose, dirette e nitide, dagli intensissimi piani di colore, rese in una particolare prospettiva bidimensionale, e private di ogni connotazione sentimentale, ma che riescono a comunicare una profonda risonanza emozionale.

Le sue opere si trovano nelle collezioni dei maggiori musei americani, tra i quali il MoMA, il Metropolitan ed il Whitney di New York e in alcuni musei Europei, tra i quali la Tate Gallery di Londra, il Centre Pompidou di Parigi, il Museo di Francoforte, l’Albertina di Vienna ed il Guggenheim di Bilbao.

Texts

Alex Katz